#Editoriale – Le tre vite di Carmelo

di Luca Mattiucci

Questa è la storia di Carmelo un ragazzo fragile di 19 anni come ce ne sono tanti che studia da fuori sede a Udine lettere antiche. Ma è anche la storia di un giovane medico
originario di Melito di Portosalvo appena 28enne che lavora senza sosta per essere d’aiuto a chi sul proprio cammino è costretto a fare i conti con il male. Ed è anche la storia di un ragazzo coraggioso che a vent’anni gli dicono essere affetto da un linfoma di Hodgkin.

Potrebbero essere l’inizio di tre racconti, tre persone, tre vite. Ma qui di vita ce n’è una sola e Carmelo Gurnari sa quanto è importante tenersela stretta. Lo sa da quando
ancora studente gli diagnosticarono quel tumore. Da quando, grazie all’uomo che lo ha accompagnato per tutta la sua battaglia, il Professor Franco Locatelli, scoprì la passione per la medicina e iniziò a studiarla anche se per lui la parola futuro non aveva gran peso.

Ti accade cosi d’improvviso. Il presente prende forma e diventa l’unico tempo. Stai lì sospeso in attesa di sentenza. Ma Carmelo il verdetto lo ha ribaltato, anzi di più. Avrebbe potuto scegliere di lasciare in un cassetto del passato quei giorni bui in cui la corsia diventa la tua casa, gli infermieri i tuoi amici e la vita lì fuori un ricordo sbiadito. Invece, oggi, ogni mattina Carmelo varca la soglia dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma reparto di oncologia pediatrica, dove il Professor Locatelli lo ha voluto come ricercatore, per essere al fianco di chi lotta ogni giorno perché prima ancora della cura serve trasmettere umanità.

Come ogni storia anche questa ha la sua morale, anzi ne ha tre come i racconti dell’inizio. Ci dice che una sanità fatta di medici che ascoltano e sanno parlare ai pazienti farebbe degli ospedali un luogo migliore, e ci dice anche che magari le partite di calcetto non servono ma lo scambio empatico è umano ed è sano se guarda al merito e allo sforzo. Ma, soprattutto, ci racconta con il sorriso di oggi di Carmelo che lottare si deve, vincere si può. Anche un tumore.

@lucamattiucci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...